Materiale
Informativo
avatar

Alessandro Marzocchi

1 mese fa

Lunedi 13 gennaio 2020 - H 20
Comprensibilmente, una parte significativa della vita di Punta Ala è legata al Comune che ha il 9 scorso ha concluso un positivo ciclo di incontri avviato un anno fa e quest'anno intitolato  "Il turismo delle idee" - costruiamo il progetto "turismo 2020".
Ringraziando il Sindaco Giancarlo Franetani per avere messo a disposizione il materiale, nella colla sulla destra pubblico la presentazione utilizzata nel corso dell’assemblea iniziale del 22 novembre e quella dell’assemblea conclusiva del 9 gennaio per gl’incontri “Il turismo delle idee” insieme al Piano Operativo di Promozione del Centro Studi Turistici presentato all’assemblea iniziale.
Ritengo un buon lavoro questo del Comune: una cornice di informazioni e suggerimenti a supporto delle scelte degli operatori turistici locali.
Lavoro che si aggiunge all’altro del G20S, valuto positivamente anche questo.
Sono indirizzi utili anche per Punta Ala, la quale ha interesse a localizzare molti dati per il proprio territorio che altrimenti rimane annacquato, confuso nella più ampia cornice comunale, per vari aspetti diversa da quella della frazione. Per raggiungere questo obiettivo molto potremmo fare da soli con un impegno a mio avviso modesto, colgo l'occasione per rinnovare la proposta di cominciare a costruire un archivio dati turistici dedicato a Punta Ala.
L’apprezzamento per questo impegno del Comune non impedisce di criticare la lunga disattenzione verso Punta Ala né di insistere nella richiesta di dare trasparenza contabile ad incassi e spese di Punta Ala; la richiesta è antica, è stata ufficializzata a fine 2017, l'ho ricordata anche all'assemblea del 9 us. Non si può fare, è stata la prima risposta del Sindaco che in pochi minuti è diventata l'impegno pubblico a fare il possibile per evidenziare nei documenti contabili del Comune quanto Punta Ala versa e quanto riceve.
Neppure impedisce di sollecitare risposta alle domande-proposte che Comunità e Vivere hanno presentato al Comune, si tratta di
parco giochi inclusivo al Gualdo.
Punta Ala può solo solo insistere affinchè si realizzi il progetto sul quale Carla Felici ha lavorato bene, ma è impossibile procedere senza il Comune.
vivaio riforestazione.
E' una proposta piccola nelle quantità, un “modello in scala” per provare a coinvolgere interessi oltre il nostro territorio; basta un fazzoletto di terra e la spesa è modesta, dell’ordine delle centinaia di euro, di massima da 200 a 1000; si potrebbe procedere anche senza Comune ma non sarebbe un'operazione di separatezza non bella. per cui ... io speriamo che il Comune risponda positivamente ed a breve, i primi contatti risalgono agl'inizi di settembre, la prima mail è di fine ottobre, ora sta scadendo il tempo per realizzare l'iniziativa al ponte di fine aprile.
Ricordo anche
i concerti di Punta Ala.
Da anni li portiamo avanti senza un centesimo di contributi … vorremmo continuare … con un costo per realizzarli previsto fra i 3 ed i 5 mila euro.
Nessuna delle iniziative di cui sopra ha carattere speculativo e tutte sono d’interesse generale.

Allegati (1)

200109.jpg

Nessuna risposta inviata