Il futuro del turismo.

Alessandro Marzocchi

2 anni fa Condividi |

(all’origine pubblicato domenica 18 novembre 2018 H 19:25:00)
Il futuro del turismo, impressioni dei primi incontri organizzati dal Comune: per valutare positivamente l’iniziativa basta l’invito, costruiamo insieme, anche se sono burocratiche le parole ufficiali, programmazione condivisa.
Buona la partecipazione di Punta Ala ad almeno un incontro: Piero Totti di Pian d’Alma, campeggio Punta Ala, Maria Antonia Dodi, Mara Doro, Miriam Parricchi, Antonia Pompamea, Francesco Verrienti sono i nomi che ricordo.
Sindaco ed amministratori hanno dato per scontato che si conoscesse la nuova organizzazione che si occupa di turismo, centrata sul cosiddetto ambito (territoriale omogeneo), il nostro è Maremma Toscana area nord e comprende Castiglione della Pescaia, Follonica, Gavorrano, Massa Marittima, Monteroton-do Marittimo, Montieri, Roccastrada, Scarlino; Castiglione – col più elevato numero di presenze, il 4° comune toscano dopo Firenze, Pisa, Montecatini – ha il compito di coordinare la promozione turistica dell’intero ambito.
L’ambito ha per scopo: (a) gestire in forma associata informazione ed accoglienza turistica, (b) definire insieme a Toscana Promozione Turistica la promozione.
Opinione personale: in Toscana vedo troppi soggetti che si occupano di turismo, … questo è ma è necessaria la massima efficienza, senza sprecare risorse e tempo.
Si è informato sulle presenze turistiche nel comune: leggero calo, circa l’1%, ho chiesto i grafici proiettati per pubblicarli ad informazione dei lettori.  
Oltre ai numeri, cosa è emerso?
Tutti hanno riconosciuto l’importanza fondamentale del turismo nell’economia locale, il Comune è impegnato a supportarlo in collaborazione essenziale con gli operatori; impressione personale: l’impegno del Comune è corale e sincero.
Dopo le considerazioni positive, qualche dubbio e critica.
Troppo frazionate le competenze sul turismo in Toscana.
Il turista, grande assente, nessun dato o ricerca su cosa chiede il turista, benedette le voci delle guide dalle quali è venuto il miglior consiglio: promettere quel che si può mantenere, mantenere quel che si è promesso, ma è positiva la consapevolezza su questo tema che apre al gigantesco lavoro da fare: accoglienza, ambiente (aria, economia circolare, mare, pulizia, rifiuti, sostenibilità), collegamenti e trasporti, comunicazione, connettività, cultura, intrattenimento, prodotti/servizi da offrire, promozione.
Altro grande assente: il proprietario di seconde case, il cui numero nel comune (quasi 10 mila) contrasta col quasi niente che il Comune fa per coinvolgere i proprietari digitalmente anche da remoto: siamo alla vigilia del 2019, i proprietari vivono in mezza Europa e sono molto importanti per il successo dell’economia turistica, è necessario coinvolgerli anche se inizialmente saranno pochissimi a partecipare.
../… continua

Commenti:
* da Lea Pandolfi – Maremmagica, 19 novembre 2018 11:01
Lieta di far parte di questo gruppo. Ringrazio per avermi inserita e per l’apprezzamento dell’intervento da me fatto all’incontro organizzato dal Comune. Con alcuni di voi già ci conosciamo, per tutti gli altri mi presento. Il mio nome è Lea Pandolfi, Maremmagica, società (al femminile) che dal 1991 si occupa di servizi guida (tutte noi siamo guide) ma altresì di promozione del territorio e di educazione ambientale.
Operiamo su tutta la provincia di Grosseto, nel comune di Castiglione della Pescaia dal 2010 ci siamo occupate per la Provincia della gestione e promozione turistica della Riserva Naturale Diaccia Botrona; sino a marzo di quest’anno abbiamo altresì gestito la Casa Rossa Ximenes che, come ben saprete, dallo scorso aprile è stata presa in carico direttamente dal Comune di Castiglione, a seguito di accordi con il Demanio e la Regione Toscana.
Con l’auspicio di poter condividere con voi migliorative idee e azioni a favore di questo nostro (amato) territorio, ringrazio per l’accoglienza e saluto cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.