Punta Ala, per una comunità adulta.

Amici di Punta Ala, sui gruppi FB – seguo i più frequentati: Cara Punta Ala, vorrei dirti una cosa … e Quelli di Punta Ala – leggiamo da tempo varie richieste, ne ricordo qualcuna: SP 61, illuminazione, rifiuti, guardia medica, carabinieri polizia municipale controlli e sicurezza in genere, ambiente e natura ecc ecc ecc
Condivido quasi tutte le richieste, le leggiamo da anni ma il Comune ha fatto poco più di niente, salvo i continui e lodevoli interventi del vicesindaco Elena Nappi.
Come fare?
Fare tutto? Fare subito? Sarebbe bello ma non è possibile.
Una prima risposta viene da sapere “quanto” è disponibile, Giannotti ha portato la risposta: Punta Ala versa al Comune 5,5 milioni su 12 complessivi di gettito imu, circa il 46%. Senza questa risposta avremmo continuato a discutere in modo confuso ma con fermezza ripeto la mia convinzione: non tutto può, non tutto deve restare a Punta Ala.
Sui gruppi FB – a volte su Cara Punta Ala, a volte su Quelli di Punta Ala – abbiamo ricevuto la dimostrazione del catenaccio del Comune PUR DI NON RISPONDERE in modo chiaro e semplice come ha fatto Giannotti.
La risposta apre il primo cancello, dopo avere avuto una prima risposta su quanto versa Punta Ala facciamo un altro passo per domandare: quanto destinare alla nostra frazione, Punta Ala? Cosa fare? Chi partecipa alla decisione? Come decidere?
“Quanto” destinare a Punta Ala (non tutto) lo decide il Comune, ma “cosa fare” è scelta nella quale PUNTA ALA DEVE ESSERE COINVOLTA, in modo aperto alla partecipazione da remoto. Punta Ala deve partecipare alla decisione su cosa fare subito e cosa dopo, su come farlo, e poi deve partecipare alla verifica su quanto fatto: siamo oppure non siamo soddisfatti.
Vorrei che Punta Ala diventasse comunità adulta, come ogni adulto con autonomia e responsabilità.
Vedo alcune altre questioni e provo a semplificare. Il proprietario di immobile paga imu e tari e contribuisce alle entrate del Comune: lo lasciamo fuori da scelte e verifiche? Ci sono ragioni valide per coinvolgerlo nel “cosa fare” di quanto il Comune ha deciso di destinare a Punta Ala, non è pecora da tosare, il bravo pastore non si limita a tosare le pecore, cerca anche di trattarle bene.
Poi c’è da capire come dar voce ai non residenti che comunque hanno interesse a Punta Ala e contribuiscono alle entrate pubbliche
C’è anche da capire come farli partecipare da remoto.
Pur con dimensioni modeste, l’associazione COMUNITA’ di PUNTA ALA ha riproposto antiche richieste e FINALMENTE è arrivata la prima risposta. Un passo per volta, COMUNITA’ di PUNTA ALA sta anche sperimentando sul campo risposte per le altre questioni. Anche se non è necessario, è opportuno che partecipino più soci, qui le informazioni per farlo.
Facciamo un passo per volta, ma andiamo avanti per COSTRUIRE INSIEME IL SISTEMA PUNTA ALA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.