Archivi tag: SP61

SP 61, adeguarla ad oggi.

Chiediamo adeguamento e messa in sicurezza di SP 61, intenzione ottima ma è bene chiarire i passi necessari per tradurla in realtà.
ADEGUAMENTO: a prescrizioni esistenti sulla struttura della strada, a nuove esigenze, a nuove disponibilità.
* prescrizioni strutturali esistenti: vanno rispettate, quelle sulle strade ed altre. Sottovoce ricordo il loro groviglio che ne facilita il mancato rispetto e purtroppo l’uno e l’altro sono fenomeni diffusi ovunque, non solo in Italia ma anche in Italia ed anche sulle strade provinciali, un esempio vicino è SP 109 di Barbaruta che è simile ad SP 61 per larghezza e fossati laterali ma con fondo stradale assai peggiore e con traffico che spesso è appesantito da mezzi agricoli di grande ingombro.
* nuove esigenze: quelle di oggi sono differenti, vanno analizzate in profondità e qui emerge che valore di Punta Ala è l’ambiente più che la facilità di raggiungerla.
* nuove disponibilità: oggi una strada non è solo l’infrastruttura fisica – fondo e massicciata, altimetria, curve, larghezza – sempre più importanti sono le prescrizioni d’uso – divieti e limiti, loro adeguatezza e flessibilità – e la verifica del loro rispetto.
MESSA IN SICUREZZA: la sicurezza dipende dalla strada e da come la si usa. SP 61 è stretta, mancano dati su traffico ed incidenti.
Il traffico estivo è diverso da quello invernale e questo suggerisce prescrizioni diverse.
Va considerata la ciclabile di prossima realizzazione che prevedibilmente toglierà ad SP 61 gran parte dei ciclisti.
La segnaletica dovrebbe essere digitale, il cui adeguamento è facile e rapido.
La videosorveglianza rende possibile un controllo continuo che facilita la diminuzione di incidenti, testimonianze vengono dal comune di Falconara Marittima (troppi non rispettano le regole) e dal comune di Rimini (la videosorveglianza porta alla diminuzione di incidenti).
Per finire, una proposta ed una riflessione.
Ippovia, percorso ippico? Completerebbe l’offerta di mobilità alternativa insieme alla ciclabile per la quale rinnovo il suggerimento di segnale di telefonia mobile, infrastruttura di base per la migliore sicurezza di chi la percorrerà ed anche per offrire servizi ulteriori.
Infine: per valorizzare Punta Ala, per la soddisfazione dei suoi frequentatori è importante come arrivarci ma ancor più conta la qualità del soggiorno (connettività digitale, servizi, eventi … stagione brevissima)?

L’ennesimo incidente sulla SP 61.

Foto dell’incidente

Nel pomeriggio di venerdì 6 novembre 2020, un autocarro, probabilmente impiegato nei lavori di risistemazione della spiaggia, è finito fuori strada sulla SP 61 di Punta Ala. Probabilmente l’autista non era avvezzo a districarsi in quella pericolosa “viuzza” affiancata da profondi fossati, senza alcuna protezione. Gli auguriamo di esserne uscito fisicamente indenne.

Resta il fatto che questo incidente è l’ennesimo campanello d’allarme che dovrebbe indurre le autorità a prendere seri e immediati provvedimenti.

Comunità di Punta Ala ha raccolto e consegnato una petizione con oltre duemila firme al Presidente della Provincia Antonfrancesco Vivarelli Colonna. Sembra che le autorità non siano rimaste sorde alla petizione firmata da così tanti fruitori della strada. Infatti, è in corso di calendarizzazione un sopralluogo con i tecnici degli enti preposti, finalizzato ad iniziare i rilievi necessari a redigere un progetto cantierabile ed ottenerne la relativa copertura finanziaria. Confidiamo e vigiliamo.